Latest News


All EHTTA news releases and articles related to EHTTA activities are listed below, and updated regularly.


ScoopIt is a news service curated by the former Delegate General of EHTTA and former Director of the Institute of Cultural Routes, Mr Michel Thomas-Penette. He scans the news around the spa towns of Europe and collects them into a themed, constantly changing newsletter, full of interesting information on the culture and heritage of the EHTTA members. Please do check in on this service regularly, as it is an amazing resource!

Discorso di Giuseppe Bellandi, Sindaco di Montecatini Terme, in veste di neoeletto Presidente EHTTA PDF Print E-mail
Thursday, 19 December 2013 14:27

Cari amici,
con grande piacere ed onore accetto questa candidatura alla presidenza di EHTTA;vi ringrazio per la fiducia che mi avete concesso. Continueremo a lavorare insieme verso nuovi obiettivi e sfide europee, consapevoli della forza che ha questa importante rete che abbiamo fondato nel 2010. In primis voglio ringraziare sentitamente il Presidente uscente Christian Corne per il lavoro svolto con passione, determinazione e grande senso di responsabilità durante il mandato. Il suo sostegno diretto ad EHTTA sono certo che continuerà a dimostrarlo anche in futuro. I risultati tangibili raggiunti in cosi poco tempo mostrano da una parte la validità della rete EHTTA in termini di consolidamento politico e condivisione degli obiettivi, dall’altra il valido supporto che la nostra associazione europea può disporre in termini di equipe ed esperienza.

Mi permetto di ricordare tutto lo staff EHTTA: Michel Thomas-Penette, delegato generale; Marion Vansingle, project manager e referente del progetto SOURCES, Raffaella Caria, segreteria operativa, Catherine Lloyd per il prezioso contributo apportato al progetto SOURCES. Auspico che questa preziosa squadra europea possa continuare a crescere e sostenerci nel prossimo biennio. Riprendendo quando già abbiamo condiviso fino ad ora in termini di programmazione, progettazione strategica e obiettivi futuri, vorrei trasmettere solo alcune considerazioni sugli assi che svilupperemo insieme nei prossimi mesi:

Dimensione europea e programma itinerari culturali del Consiglio d’Europa: il riconoscimento dell’EHTTA ad itinerario culturale del Consiglio d’Europa rappresenta il punto di partenza intorno al quale continueremo a svolgere il nostro lavoro. Questo programma “geniale”: lanciato nel 1987, è entrato oggi in una fase cruciale anche grazie al consolidamento dell’Accordo Parziale Allargato sugli itinerari che vede coinvolti ben 23 Paesi. Tale programma ci invita a consolidare i rapporti con le Istituzioni europee ed i rappresentanti nazionali che ci rappresentano nelle sedi di Bruxelles e Strasburgo al fine di rinforzare la lobby politica intorno al tema del termalismo, inteso in tutte le sue declinazioni: dal termalismo tradizionale al turismo termale al benessere.

Collettività locali e regioni europee termali: l’allargamento della base associativa, che oggi già conta 25 membri, è un importante obiettivo dei prossimi anni. Aumentare il numero di città o reti di città (come ad esempio ANCOT, associazione nazionale dei comuni italiani) aderenti all’EHTTA garantisce un maggior riconoscimento a livello europeo ed in termini di rappresentanza politica sui temi legati al termalismo. Una sfida che dovremo affrontare è quella del maggiore coinvolgimento delle regioni europee a vocazione termale: si tratta di coinvolgere in ciascun Paese la/le regione/i rappresentative sul fronte termale sviluppando opportune sinergie. A questo proposito abbiamo già avviato un dialogo con la rete NECSTouR che vede capofila proprio la Regione italiana della Toscana (dove si trova la città di Montecatini).

Progetti europei e finanziamenti comunitari: il progetto SOURCES finanziato nell’ambito dell’asse Cultura rappresenta un’importante occasione di dialogo, incontro, promozione e visibilità per la rete EHTTA e per i soggetti che ne sono direttamente coinvolti. Tale progetto diventa un modello itinerante di Festival intorno al quale potremo cercare di caratterizzare progettualità future in ambito culturale. Attendiamo inoltre che sia definita la nuova programmazione dei fondi strutturali europei 2014-2020 per valutare insieme gli ambiti di cooperazione e strategie future di azione per partecipare ai bandi, anche se indubbiamente verranno presi in considerazione le aree del turismo, sviluppo del territorio e programmazione urbana, giovani, scambi fra città gemellate. Entro il prossimo mese di dicembre attendiamo il riscontro della Commissione Europea per il progetto STAR, realizzato in cooperazione con due itinerari culturali di spiritualità e pellegrinaggio del Consiglio d’Europa: Via Francigena e Cammino di Santiago. Altri progetti europei futuri potranno essere realizzati sempre in sinergia con itinerari culturali europei. Il nostro delegato generale Michel Thomas-Penette continuerà a supportarci in questa importante azione.

Comitato Scientifico e ricerca. Il Comitato Scientifico rappresenta una delle condizioni indispensabili per poter mantenere il label del Consiglio d’Europa. La nostra rete ha necessità di rinforzare l’aspetto scientifico e di ricerca, basandosi su un comitato che potrà garantire esperienza e professionalità abbracciando i vari campi in modo interdisciplinare. Comunicazione e visibilità: EHTTA sta lavorando alacremente per rinforzare la comunicazione e visibilità grazie a molteplici strumenti che quotidianamente vengono messi a disposizione ed aggiornati: newsletter, sito web EHTTA e SOURCE, facebook, twitter, blogs, dvd.

L’obiettivo da raggiungere è duplice e si pone su due livelli: quello di un maggiore riconoscimento su scala europea e territori nazionali; quello di una maggiore visibilità sui territori locali, anche attraverso cartellonistica e segnaletiche uniformi, chiare e leggibili che dovranno mettere in evidenza la nostra rete europea. Una maggiore comunicazione sarà anche finalizzata a coinvolgere maggiormente il tessuto sociale delle nostre comunità locali. EHTTA e la rete degli itinerari culturali del Consiglio d’Europa rappresentano una grande opportunità di sviluppo dei territori “minori” e del turismo sostenibile, creando importanti economie sostenibili che possono favorire occupazione, benessere e sviluppo. Sappiamo anche che la Commissione Europea guarda con un occhio di riguardo al nostro progetto e la nostra rete di città termali, non a caso, infatti, il Commissario Antonio Tajani la citò esplicitamente in occasione della Giornata Europea del Turismo che si svolse a Budapest nel maggio 2011, indicando l’EHTTA come modello di buona prassi di sviluppo sostenibile e turistico dei territori.

Negli ultimi anni in tutta Europa è cresciuto esponenzialmente il valore e il peso del termalismo che sta diventando un settore interno al turismo molto florido. La Commissione Europea, inoltre, sta sostenendo attivamente molte iniziative legate proprio allo sviluppo del settore termale in tutti i paesi d’Europa anche perché, secondo gli ultimi dati demografici, risulta che sia in continua espansione e che sia effettivamente rivolto a persone di tutte le fasce d’età. Sono ben quattro le categorie alle quali dovremo cercare di rivolgere il settore turistico del benessere e delle acque termali: 1. i giovani tra i 18 e i 30 anni, 2. i senior, 3. i diversamente abili e, infine, 4. le famiglie meno abbienti che non per questo devono rinunciare a una breve vacanza di relax.

Giuseppe Bellandi

 
Goto Top